Semaforo intelligente sul ponte dell’ex statale

Costerà 50mila euro il semaforo intelligente che l’amministrazione Lamberti ha deciso di stanziare sul ponte di ingresso del paese. Servirà a regolare il traffico sull’ex statale 35 e a garantire maggiore sicurezza

Articolo di Stefania Prato da La Provincia Pavese
BORGARELLO. Costerà 50mila euro il semaforo intelligente che l’amministrazione Lamberti ha deciso di stanziare sul ponte di ingresso del paese. Servirà a regolare il traffico sull’ex statale 35 e a consentire di entrare e di uscire da Borgarello in piena sicurezza. La Regione Lombardia, attraverso un bando vinto da questo piccolo centro, ha stanziato 30mila euro, altri 20mila euro verranno messi a disposizione dalla Provincia. «La strada è di competenza provinciale e l’ente ha rilasciato l’autorizzazione necessaria», fa sapere Marcello Infurna, sindaco di Certosa e consigliere provinciale. «L’incrocio è oggettivamente pericoloso – dice Nicola Lamberti, primo cittadino di Borgarello -. E la realizzazione di

Il ponte sul Naviglio

Il ponte sul Naviglio all’ingresso di Borgarello

una rotonda aveva costi inaccessabili, la spesa infatti sarebbe stata di circa 800mila euro perché si doveva coprire una parte di Navigliaccio, un intervento che avrebbe determinato una serie di lavori con la conseguenza di una lievitazione dei costi». Da qui la decisione di mettere in sicurezza l’accesso al paese con un semaforo sempre verde, fa sapere Lamberti, per evitare di far aumentare il traffico sulla 35. «Sarà a chiamata, verranno installate spine all’ingresso, per rilevare la presenza di auto che arrivano da Milano e devono svoltare in paese e di mezzi che da Borgarello devono svoltare a Pavia – precisa il sindaco -. È prevista una doppia spira che valuta il flusso di auto in entrata e in uscita, in modo da tarare il tempo del verde». «In questo modo – aggiunge Infurna – non si intaserà l’ex statale 35 e, quando realizzeremo il nuovo ponte dell’area artigianale di Cascine, l’impianto semaforico di Borgarello verrà collegato con quello che posizioneremo sull’infrastruttura». Per il sindaco Lamberti«si tratta di un intervento fondamentale e che si attendeva da tempo». E spiega: «Per fortuna siamo riusciti a vincere il bando perché la situazione è diventata insostenibile. Il numero di abitanti in questi centri che si affacciano sulla statale è quintuplicato, ci sono sempre più persone che utilizzano l’auto, mentre le dimensioni della 35 sono sempre le stesse. Con un incremento delle condizioni di rischio. È chiaro che andava garantita la sicurezza dei cittadini di Borgarello, in modo da evitare possibili incidenti. Non dimentichiamo che l’idea della coda, nelle ore di punta, spinge ad azzardare e a buttarsi invadendo la carreggiata. Una situazione di pericolo continuo che ora verrà finalmente eliminata». (st.pr.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la \ * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.