29 Novembre: Consiglio Comunale – regolamenti, manutenzione luoghi e modifiche di bilancio

di Giuseppe Esposito

Senza pretesa di completezza – vi invitiamo a leggere un piccolo resoconto del Consiglio Comunale di Certosa di Pavia (29 Novembre 2014).

L’impressione personale che ho ricavato dal Consiglio Comunale è che le questioni fondamentali rimangano appannaggio esclusivo della giunta, che non si riunisce pubblicamente. In sede consiliare, una rigida applicazione del regolamento, unita a una scarsa attitudine al dialogo, costituisce inevitabilmente un forte ostacolo ad un confronto fecondo e costruttivo, con le opposizioni di fatto private della possibilità di offrire il loro contributo al miglioramente della gestione del paese.

Se, infatti, nel corso della seduta cui ho assistito, tutti e quattro i consiglieri di minoranza partecipano attivamente cercando un dialogo/dibattito, all’insegna di una sana dialettica politica, la giunta sembra non avere altra voce oltre a quella del sindaco. Eccezion fatta per gli interventi del primo cittadino, c’è stato solo un contributo da parte del capogruppo di maggioranza in consiglio, Dott.ssa Daniela Greco, nonché segretario PD di Certosa e membro del direttivo provinciale PD, in cui, peraltro, erano espresse solo personali considerazioni riguardanti la creazione di un nuovo gruppo di minoranza e non idee e proposte relative al benessere del paese.


Prima dell’appello (assente per la maggioranza il consigliere Yuri Merli, già in consiglio comunale anche nella scorsa legislatura anche se in un gruppo diverso) il Consiglio si apre con la notizia che il consigliere Sabrina Giussani lascia il gruppo Idea&Lista per crearne uno nuovo.

Per rispetto nei confronti dell’assemblea e dei cittadini, la dott.ssa Giussani spiega di aver preso questa decisione con il proposito di “ fare un’ opposizione sempre più dinamica e propositiva, fermo restando l’affetto e la stima per il gruppo Idea&Lista, con cui ho condiviso e sicuramente condividerò ancora un lungo percorso”.

Il capogruppo di Democrazia e Progresso, Daniela Greco, sostenuta dal sindaco Marcello Infurna, inizia a leggere un documento in cui stigmatizza l’atto del consigliere Giussani, consideraldolo come una prova del fatto che la lista Idea&Lista “sia un insieme di persone di estrazione diversa, con anime troppo differenti etc.”, per poi addentrarsi nell’analisi dei rapporti interni dell’opposizione attraverso la lettura di post facebook del consigliere Giussani.

Visto che l’intervento della dott.ssa Daniela Greco, incentrato sull’analisi dei fattori psicologico relazionali che hanno portato alla creazione del gruppo autonomo, si presenta di fatto privo di qualsiasi elemento utile alla collettività, il consigliere Giussani invita la dott.ssa Greco a sospendere la lettura del discorso e a proseguire, qualora lo ritenesse necessario, la sua analisi politico-psicanalitica in altra sede.

Il sindaco dichiara la liceità di tale “analisi politica” da parte del capogruppo della maggioranza e vorrebbe proseguisse.

La dott.ssa Giussani, assieme al consigliere Maria Vittoria Sereni, ribadisce che non sia utilizzato il Consiglio Comunale per esaltare il “gossip politico”, e chiede che la seduta pubblica sia informativa per i cittadini e produttiva di idee e dibattiti sui temi importanti per il paese.

Infine, il consigliere Daniela Greco desiste dalla polemica e decide di far protocollare le sue “analisi” alla prossima occasione, in modo che comunque diventino pubbliche.
Lettera del Consigliere Giussani

Si passa finalmente all’esame dell’ordine del giorno.

1) Lettura e approvazione verbali seduta precedente

Il verbale -come per prassi- non viene letto, ma approvato dalla maggioranza con l’astensione della minoranza (8 contro 4).

2) Mozione Sereni- Giussani sulla Fondazione Maugeri

Il consigliere Giussani espone la mozione con cui si chiede al Consiglio Comunale una pubblica dimostrazione di solidarietà per i lavoratori Maugeri; il consigliere, inoltre, chiede di intercedere per la promozione di un tavolo di confronto con i sindacati riguardo alla decisione unilaterale del CDA Maugeri di trasformare il contratto dei lavoratori da contratto di sanità pubblica a contratto privato.

La mozione viene adottata come ordine del giorno dal Consiglio Comunale e approvata all’unanimità dai presenti

Mozione Ordine del Giorno Maugeri

3) Interrogazione Sereni piazzale della Certosa.

Il consigliere Sereni, leggendo l’interrogazione, chiede:

a) tempi e modi di riqualificazione del Piazzale della Certosa, anche a seguito della decisione di renderla utilizzabile per matrimoni e feste.

b) utilizzo delle entrate che arriveranno dall’affitto del piazzale e delle altre location

c) se sia alle viste la stipula di convenzioni con i privati che consentano anche l’uso delle strutture per iniziative pubbliche

d) come far coabitare l’affitto per le feste e gli stands del mercatino della Certosa

Il sindaco Infurna sostiene che

a) non ci sia nulla da riqualificare sul piazzale della Certosa; la sola pulizia del piazzale afferisce al Comune, il resto dei fabbricati e delle aree sono private, perciò non è previsto alcun lavoro straordinario

b) Le entrate saranno utilizzate per l’arredo urbano

c) Non ci sono convenzioni con le location ma solo una delibera di consiglio ed un regolamento approvato dalla giunta che individua dei luoghi come uffici di stato civile adatti a celebrare i matrimoni

d)Avranno la precedenza i matrimoni sull’organizzazione dei mercatini nel piazzale della Certosa

Il consigliere Sereni, interviene per chiarire che una domanda implicita era se, una volta presa la decisione di utilizzare location private per i matrimoni, non sarebbe il caso di fare delle convenzioni in modo da poter utilizzare (per un numero di giorni stabiliti) queste location per eventi comunali.

Il sindaco Infurna ribadisce di avere risposto e la facoltà di Sereni è dichiararsi soddisfatta o insoddisfatta. Sereni si dichiara insoddisfatta.
Interrogazione e risposta su Piazzale della Certosa

4) Interrogazione Sereni Cimitero di Cascine Calderari

Il consigliere Sereni legge l’interrogazione in cui si dichiara che il cimitero di Cascine necessita di una riqualificazione. Viene segnalata la presenza di una semi-discarica accanto ai cassoni del verde e si chiede se l’amministrazione abbia intenzione di mettere una telecamera al fine di disincetivare lo scarico abusivo di rifiuti in quell’area.

Il sindaco Infurna dice che la colpa del degrado della zona cimiteriale ricade anche sul consigliere Sereni, che è stata per quasi tutta la legislatura precedente vice sindaco, mentre lo stesso Infurna era solamente assessore.

Detto ciò il sindaco, comunica che farà togliere i cassoni del verde, introducendo un servizio di raccolta porta a porta per gli sfalci. Aggiunge poi che l’installazione delle telecamere è onerosa, e non è possibile prevedere quando potranno essere acquistate.

Il consigliere Sereni replica che nella precedente legislatura non è riuscita a realizzare molti dei suoi progetti a causa di una progressiva emarginazione da parte della maggioranza e che, anche per questo motivo ha deciso di lasciare la giunta, forse, come ella stessa precisa, con eccessivo ritardo.

Il sindaco Infurna replica ancora che facoltà del consigliere dopo la risposta del sindaco è dichiararsi soddisfatta o insoddisfatta, non controreplicare con altre affermazioni.

Il segretario comunale , dott.ssa Flavia Fulvio, presente all’assemblea, sostiene il parere del sindaco.

Inoltre il dott. Infurna fa notare al consigliere Sereni che, sotto l’aspetto formale, le interrogazioni presentate sarebbero classificabili come “proposte” e non come interrogazioni vere e proprie, in quanto queste ultime sono costituite solo da un semplice quesito, senza che vi siano suggerimenti o altre note.

Sereni si dichiara insoddisfatta

Interrogazione e risposta su Cimitero di Cascine

 

5) Interrogazione Sereni cimitero di Samperone

Il consigliere Sereni segnala il degrado del cimitero di Samperone, chiedendo, inoltre, data l’assenza di loculi disponibili, se sia previsto l’ampliamento dell’area e se sia possibile pensare all’installazione di servizi igienici nel cimitero.

Il sindaco, ribadendo ancora una volta che la colpa ricade sulla precedente amministrazione e quindi, pro quota, sull’interrogante, risponde che, a causa delle difficili condizioni finanaziarie del Comune, la creazione di servizi igienici non potrà essere realizzata. Data l’impossibilità di ampliare il perimetro del cimitero, inoltre, il sindaco dichiara che sarà possibile la solo costruzione di ossari ma non di loculi, senza chiarire però le tempistiche relative all’inizio dei lavori. Il dott. Infurna, conclude dicendo che, come sopra esposto, il degrado è frutto di amministrazioni precedenti e che si sta procedendo a migliorarne la manutenzione.

Interrogazione e risposta su Cimitero di Samperone

6) Interrogazione Sereni ciclabile Certosa

Il consigliere Sereni spiega che attorno alla Certosa era presente una staccionata che delimitava la pista ciclabile. La palizzata in legno è stata rimossa tra fine aprile e maggio 2014. Non era in cattive condizioni, come verificabile anche da documentazione fotografica.

Il consigliere Giussani interviene per ribadire che, su questo tema, aveva già presentato un’ interrogazione a fine settembre, ma le risposte dell’amministrazione erano risultate insufficienti.

Prima di entrare nel merito della riposta, Il sindaco sostiene che Idea&lista ha distribuito un volantino in cui si dichiarava che, circa la questione del legname della palizzata, l’amministrazione avrebbe dichiarato il falso e ricorda che è possibile ricorrere alla giustizia, qualora si ritenesse di essere stati calunniati.

Riguardo alla stessa staccionata, il dott. Infurna precisa che la rimozione del legname è stata fatta dalla precedente amministrazione e che non esiste nessuna determina sulla rimozione della palizzata. Parimenti, sottolinea che non ci sono state spese in quanto le operazioni sono state effettuate dalla Protezione Civile locale. Infine il sindaco conclude dicendo che una parte della palizzata, ammalorata, è stata smaltita dalla Protezione Civile stessa presso la discarica di Montebellino, senza alcuna ricevuta né bolla di consegna, mentre il resto della staccionata è oggi disponibile presso la Protezione Civile, e potrà essere impiegata per altri usi, qualora si presentasse la necessità.

Invita, se la opposizione lo ritiene, a fare un esposto in procura.

Il consigliere Giussani sottolinea che non solo l’opposizione potrebbe avere interesse a fare un esposto, ma un eventuale spreco di risorse o di denaro pubblico è interesse di tutti, quindi anche il sindaco stesso potrebbe essere interessato a portare il caso in Procura.

Interrogazione e risposta sulla Staccionata intorno alla Certosa

7) Interrogazione Sereni Ciclabile Cascine

La consigliera Sereni presenta un’ interrogazione sulla pista ciclabile di Cascine Calderari, evidenziando la totale assenza di manutenzione e chiedendo di sostituire le parti compromesse della staccionata, oppure di sostituire interamente la stessa con una siepe.

Il sindaco risponde che la mancanza di denaro rende impossibile qualsiasi tipo di manutenzione del legname. Tuttavia, in caso di disponibilità di fondi si potrebbe pensare ad una riqualificazione della zona; in questo caso l’eventuale riutilizzo della parte sana della staccionata verrebbe immediatamente reso pubblico.

Interrogazione e risposta sulla Ciclabile di Cascine Calderari

8) Variazione e assestamento di bilancio anno 2014

Viene sottoposta al consiglio una variazione di bilancio per l’anno 2014.

Su sollecitazione dei consiglieri Gianini, Cozzi, Sereni e Giussani, vengono rilevate le seguenti variazioni:

  1. dal parcheggio accanto al monumento sono stati ricavati 8.885 euro in più del previsto, impiegati per la manutenzione degli edifici comunali.

Il consigliere Gianini sottolinea una entrata imprevista: la concessione area carburante pagata nel 2014, dopo che l’area carburante è stata dismessa (8.350 euro).

Il segretario comunale Fulvio conferma: è stato incassato perché a inizio anno erano ancora in corso i lavori di smaltimento del deposito della benzina sotterraneo lungo la statale, nell’area occupata dal distributore di carburante.

  1. I fondi destinati ai cimiteri sono aumentati di 15.818 euro.

Il sindaco Infurna spiega che il denaro in più servirà per acquistare un elevatore per le casse, ad oggi sollevate a mano dagli addetti.

  1. Incremento del canone per smaltimento rifiuti (Ci sono 20.000 euro in più per il servizio ASM) . Visto l’aumento del canone il sindaco Infurna spiega che partiranno le multe relativamante al conferimento errato dell’immondizia.

Il consigliere Cozzi chiede lumi riguardo lo stanziamento di 3000 euro aggiuntivi destinati alle manifestazioni per anziani ( i fondi relativi a questa voce in precedenza erano diminuiti, rispetto all’anno scorso, di 5.000 euro).

Il sindaco spiega che un totale di 11.000 euro (rispetto ai 13.000 euro previsti dallo scorso anno) è stato stanziato per 2 pranzi, uno già svolto e uno per Natale, per le spese della sagra e delle luminarie natalizie.

Il consigliere Giussani, assente nello scorso Consiglio Comunale, sottolinea come la destinazione di di 400 euro per la redazione di un bollettino cartaceo comunale, costituisca una spesa non necessaria, soprattutto tenendo conto delle ristrettezze finanziarie del Comune, più volte richiamate dal sindaco nel corso dell’assemblea. Lo stesso consigliere inoltre fa notare come questo bollettino possa rivelarsi l’ennesimo strumento propagandistico e auto-celebrativo dell’attuale amministrazione. La dott.ssa Giussani, inoltre, precisa che i costi del giornalino avrebbero potuto essere ammortizzati con la richiesta di sponsorizzazione rivolta a negozi e ditte locali, in modo da non farlo gravare sui cittadini oppure attraverso una partnership con un giornale già presente e distribuito da oltre 6 anni sul territorio comunale, ossia “Itinera Civitatis”, per dare atto anche di un impegno gratuito e non schierato dello stesso.

Il sindaco sul piano economico ribadisce che la scelta è legittima e che ricorda che nella scorsa seduta, vi era chi,dai banchi dell’opposizione, giudicava i costi troppo ridotti.

Prende la parola il consigliere Cozzi che ricorda come nella precedente seduta fu lui stesso a sostenere che era ridotto il numero dei giornalini comunali previsti (1-2 l’anno) ma non il denaro impiegato.

Interviene anche il capogruppo di maggioranza, consigliere Greco, per dire che grazie a questo giornalino saranno informati dell’attività comunale anche i cittadini che non hanno accesso al web, dove invece la comunicazione delle attività e delle iniziative promesse dalla Giunta è ben radicata.
Assestamento di Bilancio

9) Richiesta di deroga dall’obbligo della gestione associata delle funzioni fondamentali

Il segretario comunale dott.ssa Fulvio spiega che, in base alla legge regionale 24/2014, al superamento dei 5.000 abitanti, un dato Comune non intenzionato ad associare le funzioni fondamentali con altri comuni, è tenuto a chiedere una deroga a quanto disposto dalla legge 122/2010, dichiarando di avere raggiunto i 5.000 abitanti.
Deroga dalla gestione associata delle funzioni fondamentali

Nella votazione 11 voti a favore e uno contrario (consigliere Giussani)

Attorno alle 22 l’assemblea si scioglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Completa la \ * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.